Lamorgese senza social al Viminale: per i comunicatori un monito a evitare la sovraesposizione mediatica

La nuova ministra dell’Interno è agli antipodi rispetto al predecessore Matteo Salvini. Questo non significa che le istituzioni debbano essere mute sui social, ma che forse è finito il tempo dell’overdose quotidiana di tweet

Vai alla fonte originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *