Governo, le riforme di Conte premier al secondo atto che duella con la Lega

Il premier parla quasi un’ora e mezza per chiedere la fiducia mentre l’occupazione delle poltrone diventa simbolo della bagarre che si scatena in aula. Il capo del governo cita Saragat, promette un linguaggio rispettoso e un “nuovo umanesimo”
 

Vai alla fonte originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *